PNRR e politica economica – discussione con il Prof. Giampaolo Galli e il dott. Gianluca Galletto

Cari amici democratici,

Il Circolo PD New York ha organizzato per Sabato 27 Febbraio alle ore 13.00 ET, un incontro con il Prof. Giampaolo Galli per discutere le prospettive della politica economica italiana.

L’idea dell’incontro è quella di discutere del Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza (PNRR) che impegnerà l’Italia nei prossimi 3 anni nel quadro degli investimenti europei del Next Generation EU con il Prof. Giampaolo Galli, rinomato economista italiano e ex deputato PD nella precedente legislatura, moderato da Gianluca Galletto, esperto di sviluppo economico internazionale e innovazione urbana e già consigliere del sindaco di NYC. Una prima bozza del PNRR è stata approvata dal governo Conte il 12 Gennaio 2021 e una versione definitiva dovrà essere consegnata alla commissione europea entra la fine di aprile. Il destino dei trasferimenti europei dipenderà dai progetti e relativi obiettivi che il governo italiano includerà nel PNRR.
Con il Prof. Galli avremo l’opportunità di discutere di quali sono le richieste e aspettative della commissione europea, degli aspetti positivi e quali punti andrebbero rivisti della bozza italiana, e di come questi investimenti condizioneranno la politica economica dei prossimi anni. 

Giampaolo Galli: economista italiano, attualmente docente di economia politica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e vice direttore dell’Osservatorio dei Conti Pubblici. Dal febbraio 2013 al marzo 2018 è stato deputato del PD. Dal 1995 al 2012 ha ricoperto dapprima la carica di capo economista e poi direttore generale di Confindustria. Il Prof. Galli è stato un membro del gruppo di consulenti economici del Presidente della Commissione europea Romano Prodi e consulente della Commissione affari monetari e finanziari del parlamento europeo sulle questioni della politica monetaria. Ha ottenuto una laurea alla Bocconi in economia politica e un dottorato in economia al MIT dove ha lavorato con il Prof. Franco Modigliani. 

Gianluca Galletto: managing partner di Global Futures Group, società di consulenza strategica nei campi di Smart & Sustainable Cities, ecosistemi d’nnovazione, branding territoriale e internazionalizzazione. Galletto è stato il responsabile del commercio e investimenti esteri della Città Di New York, nella NYC Economic Development Corporation e ha partecipato come volontario nella task force di Covid Relief Efforts. Ha esperienza di consulente a sindaci, ministri e dirigenti pubblici e privati in USA, Europa e America Latina. Ha ottenuto una laurea in economia politica  alla Bocconi e un Master’s in economia internazionale a Yale, dove ha studiato con Schiller e Tobin.

L’incontro si terrà su zoom sabato 27 Febbraio alle 13.00 ET al seguente link zoom https://us02web.zoom.us/j/83233960090?pwd=dDhMeHlHWjlJZnBxUTZJSkVpeEpBdz09
Meeting ID: 832 3396 0090   Passcode: 651874 Link Facebook: https://fb.me/e/1d6D57twc

Vi aspettiamo numerosi!

Incontro con prof. Andrea Crisanti

Grazie a Elira Karaja, del nostro circolo, e a Lorenzo Ammirati, segretario Circolo del PD di Londra, giovedì 21 alle ore 1pm di New York avremo modo di ascoltare e interrogare il prof. Andrea Crisanti e il dott. Mario Mezzapesa sulla crisi pandemica in corso.

Accedi all’evento online, sulla piattaforma Zoom, al seguente indirizzo:
https://zoom.us/j/4448131823
Meeting ID: 444 813 1823

Il PD e la politica del lamentarsi degli altri

È ancora tempo di crisi nella politica italiana come se mai avessimo potuto godere di meglio… La mossa di Matteo Renzi non mette “a nudo il re” Giuseppe Conte, ma i difetti del Partito Democratico che quindi reagisce con astio.

Il PD di questi anni è senza spina dorsale, senza un carattere e senza mordente e le difficoltà in cui si trova il Governo sono soprattutto ascrivibili alle nostre debolezze.

E il problema, andando ancor più in profondità, è che alla debolezza del gruppo dirigente del PD non fa da contraltare una minoranza interna in crescita e pronta a trascinare la sinistra fuori dal guado. Ma perché lasciamo che sia Renzi a chiedere che le cose si facciano meglio?! Perché non lo facciamo noi? È drammatico che non sia il PD a dettare l’agenda di governo con l’autorevolezza che ci si aspetta dal più grande partito della sinistra. Non si vede nel Segretario Zingaretti una presenza significativa e tanta gente brava purtroppo sta ad aspettare di vedere quello che succede. Dai, animo!!

Enrico Zanon, Segretario di Circolo

Sui fatti di Washington

Non sono riuscito a trovare le parole per commentare i violenti recenti fatti di Washington. Ma cosa possiamo imparare da quello che abbiamo visto?

  • Meglio non lamentarsi delle procedure parlamentari della vecchia Europa

Dopotutto non è male che gli esecutivi si formino nelle Camere e così anche è meglio spegnere ogni desiderio che il o la Presidente della Commissione Europea sia eletto o eletta a suffragio universale. Questo non è per dire che piace il solito teatrino all’italiana, ma evitare un’eccessiva personificazione è salutare.

  • La polizia va migliorata

Qualche poliziotto aveva chiaramente simpatie per i riottosi e certe pratiche sono troppo severe per manifestazioni di afroamericani e di sinistra. Ma credo stia alla sinistra dimostrare qualche volta di più apprezzamento per l’opera delle forze dell’ordine. Ma la loro selezione e formazione devono migliorare.

  • Rimaniamo orgogliosi delle nostre abitudini elettorali

Si capiscono i vantaggi e i motivi del voto anticipato, del voto per posta e della scansione elettronica delle schede, soprattutto in un Paese vasto come un continente, con densissimi agglimerati urbani e sconfinate aree rurali. Ma quanta fiducia danno le nostre matite, le nostre schede e i ragazzi del quartiere addetti allo spoglio davanti agli occhi dei rappresentanti di lista! E quanto fortunati siamo ad essere registrati automaticamente al voto al compiere dei 18 anni!

Alle volte, per prendere una rincorsa, bisogna fare qualche passo indietro. Sono quanto mai fiducioso che shock tali daranno una spinta maggiore al bene che sta per uscire.

Enrico Zanon, Segretario di Circolo

Messaggio di Capodanno 2021

Cari amici,

Con la giornata di oggi comincia il terzo decennio di questo secolo, un motivo in più quindi per lasciarci alle spalle il passato e guardare al futuro. Io sono davvero ottimista. Il secondo semestre del 2020 ha portato belle notizie: una coesione e una forza dell’Unione Europea che dovrebbe dare l’aiuto decisivo al nostro Paese per uscire dalla crisi (se sapremo trarne vantaggio), la vittoria di Biden che potrebbe essere la fine dell’ascesa delle forze populiste e il vaccino contro questo Coronavirus, prova quanto mai evidente del valore della ricerca scientifica a miglioramento della vita di ciascuno di noi.

Non è più il tempo dei disfattisti, è il “tempo dei costruttori” come diceva ieri Sergio Mattarella. Il mio augurio è che più persone, soprattutto giovani, si avvicinino alla politica perché c’è tanto bisogno di energie nuove e per contrastare chi invece occupa spazio prevalentemente a proprio beneficio (sempre di ieri il monito del Presidente contro i “personalismi”).

Mi auguro inoltre che ognuno di noi scelga di vaccinarsi e che aiuti parenti, amici e colleghi a fare altrettanto. Non dovrebbe essercene bisogno, ma purtroppo “ignoranza e pregiudizi” (citando il Capo dello Stato) fanno molto rumore. Nel frattempo, che si continui a proteggersi senza distrazioni!

Scienza e politica sono le nostre uniche leve per contrastare il cambiamento climatico e per migliorare la resilienza delle popolazioni. Credo che questa sia la sfida più importante di questo nuovo decennio.

Buona vita a tutti in questo 2021, anno di ripresa, di riscoperte, di nuovi incontri e nuove amicizie!

di Enrico Zanon, Segretario Circolo di New York

Messaggio per il Natale 2020

È il Natale di un anno difficile. Molti hanno sofferto delle perdite, molti altri hanno amici o conoscenti che passeranno le feste con una sedia vuota a casa. Tantissimi di più stanno vivendo dando il fondo ai propri risparmi. La politica e il nostro partito avrebbero certo dare qualcosa di più; ma bisogna anche essere consapevoli del tanto bene fatto, della fortuna che abbiamo nel vivere in Paese libero, con istituzioni solide, in un contesto di alleanze internazionali che tanto aiutano. E poi, alla fin fine, in questa battaglia contro il virus quanto valgono i comportamenti individuali di ciascuno di noi!

Con questi pensieri e da parte del Circolo del PD di New York rivolgo a ciascuno di voi e alle vostre famiglie, in particolare a chi è più in difficoltà, auguri di un Natale sereno e magari anche di meritato riposo.

A prescindere dalla fede di ciascuno, auguro che il ricordo della nascita di Gesù sia un’occasione di rinascita interiore, di rimotivazione e un’opportunità di trovare nuova forza per affrontare ogni prova.

Enrico Zanon, Segretario di Circolo

Federico Fellini e la politica: incontro del 27 Dic ore 2pm

Il Circolo del PD non va in vacanza e ti invita ad un dibattito domenica prossima, 27 dicembre alle ore 2pm su Federico Fellini (in questo 2020 ne ricorre il centenario della nascita) e la politica. Lo faremo in particolare con riferimento ad uno dei suoi film: PROVA D’ORCHESTRA che trovate su YouTube o Amazon Prime.

Link al meeting:https://us02web.zoom.us/j/83233960090?pwd=dDhMeHlHWjlJZnBxUTZJSkVpeEpBdz09
Meeting ID: 832 3396 0090
Passcode: 651874

Ci aiuterà nel dibattito Paolo Ceratto, profondo conoscitore di Federico Fellini anche attraverso la madre, Caterina Boratto, attrice e che con Fellini lavorò.
Ringraziamo i moderatori dell’incontro: Mico Licastro (uno dei pilastri del nostro Circolo) e l’amica Eleonora Granata, organizzatrice di film festival e consulente di distribuzione, marketing e relazioni pubbliche internazionali cinematografiche.

A presto!

Enrico Zanon

Ci lascia Nedo Fiano. Il Circolo di New York si stringe attorno ad Andrea Fiano e alla sua famiglia.

Caro Andrea,

Da parte di tutto il Circolo PD di New York ti giunga il nostro affettuoso pensiero in questo triste momento.

La morte di tuo papà tocca ognuno di noi, che lo abbiamo ammirato per la forza e la costanza con cui riportava la propria esperienza da deportato.

Con il perdersi di quella generazione noi non possiamo proprio sottrarci alla responsabilità di continuare il loro lavoro perché purtroppo il germe dell’intolleranza e della xenofobia è ancora presente nelle nostre società.

Le testimonianze di Nedo ci aiuteranno a ricordare che la democrazia e le libertà acquisite vanno custodite con gelosia e non possono essere date per scontate.

Siamo stati proprio fortunato ad avere una persona come lui.

Un abbraccio,

Enrico Zanon, Segretario di Circolo

Appello a raccogliere e pubblicare microdati per costruire e spiegare le misure COVID-19

di Elia Schneider, Tesoriere Circolo PD New York

A marzo nel pieno dell’emergenza, un gruppo di matematici e statistici proposero l’organizzazione di un campionamento statistico per monitorare e studiare la propagazione di Covid-19. In collaborazione con il Ministero della Sanità e Istat un’indagine sierologica su un campione di all’incirca 65.000 unità è stato condotto nei mesi di giugno e luglio. Tuttavia ciò non è sufficiente!

All’aumentare del numero dei test positivi e nel momento in cui il sistema di test, tracciamento e trattamento non permette di tenere sotto controllo il propagarsi del virus, l’Italia (e non solo) si trova priva di uno strumento fondamentale per decidere le misure da adattare: i dati.


I dati rilasciati giornalmente non permettono a esperti e cittadini di studiare e rispondere a domande legittime: chi sono i contagiati, che lavoro fanno, che abitudini hanno, qual è il loro stato di salute. Alla domanda dove avvengono i contagi, i cittadini sono lasciati a risposte che si fondano su idee preconcette, esperienze personali e racconti giornalistici, ovvero brancolano nel buio.

Servirebbe che lo stato italiano si faccia promotore di organizzare e pubblicare i dati dettagliati relativi a singoli individui anonimizzati, i cosiddetti microdati, raccolti durante il tracciamento e test dei contagiati e le informazioni sanitarie di chi stato ricoverato. Tali dati sarebbero utilissimi ma non sufficienti: per evitare distorsione nei dati raccolti sarebbe necessaria la raccolta periodica dello stato di salute e della positività a covid-19 di un piccolo ma significativo campione di persone estratte casualmente (proposta rilanciata recentemente da gli ex presidenti dell’Istat Giorgio Alleva e Alberto Zuliani).

Queste misure non particolarmente costose sarebbe utili per i seguenti motivi:

  • Il governo italiano sarebbe in grado di monitorare in maniera più precisa e tempestiva la situazione del Paese. La reale efficacia di ogni misura potrebbe essere valutata più velocemente, garantendo un’azione più incisiva dei DPCM.
  • Ogni decisione politica avrebbe a supporto analisi basate su dati precisi e pubblici. Il governo sarebbe in grado di spiegare ai cittadini il motivo delle loro scelte e la riproducibilità delle analisi smorzerebbe in parte l’acceso dibattito pubblico.
  • L’accesso pubblico incoraggerebbe esperti e non a usare questi dati per individuare soluzioni alternative e innovative all’attuale crisi sanitaria.
  • La corretta attuazione aiuterebbe a diffondere l’uso nel raccogliere e analizzare microdati nell’amministrazione pubblica e nel diffusione degli open data.

”COME REINTERPRETARE LE COSTITUZIONI DEMOCRATICHE ALL’ALBA DEL XXI SECOLO: CON QUALI VALORI, FONDAMENTI, PROSPETTIVE ED ELABORAZIONI ?”

Incontro zoom con l’onorevole Stefano Ceccanti, costituzionalista, parlamentare e docente di diritto pubblico comparato, il giorno 24 Ottobre, ore 13:00 EDT, ore 19:00 ora Italiana. Organizzato dal circolo del PD di New York con la collaborazione della segretaria PD America Settentrionale e Centrale.

Per partecipare: https://us02web.zoom.us/j/84349375336pwd=TlozMnJPclVyNXRqWGRDMXVuNE1pdz09 Meeting ID: 843 4937 5336 | Passcode: 489304

L’incontro e’ stato proposto da Mico Delianova Licastro, membro della Commissione di Garanzia/Circoscrizione Estero e della Commissione Statuto/Estero del partito democratico italiano, che ha detto: ”Ho chiesto all’onorevole Ceccanti di incontrare iscritti, simpatizzanti e interessati all’argomento nella nostra circoscrizione estera, e non solo, per approfondire un argomento, le costituzioni, di grande attualità e interesse non solo politico di cui lui e’ uno dei massimi esperti in Italia e nel mondo, anche in considerazione dei recenti referendi costituzionali in Italia e dell’attenzione che negli USA sta avendo la possibilità di una riforma
costituzionale per aumentare il numero dei giudici della corte suprema.”

In preparazione all’incontro L’Onorevole Ceccanti ha detto: ”La Costituzione italiana come ogni testo analogo è composta da un testo (a sua volta da distinguere da principi sempre validi e forme organizzative da aggiornare), un pre-testo (l’esperienza della lotta di Liberazione e il voto democratico di un’Assemblea costituente) e un con-testo (ciò che è cresciuto insieme, a cominciare dallo spazio comune dell’Unione europea. Il testo, il pre-testo e il con-testo sono i pilastri che possono e debbono orientare le nostre scelte politiche”.

L’incontro sara’ moderato da Mr. Licastro assieme al Dott. Massimo Tommasoli, rappresentante Permanente di International Idea presso l’ONU, autore di varie pubblicazioni sui processi di democratizzazione e l’ONU, che ha notato che “gli stati di emergenza dichiarati in seguito alla pandemia – tanto nelle democrazie consolidate, quanto nei paesi che hanno sperimentato recenti transizioni democratiche – hanno generato una discussione tuttora in corso sul rispetto delle garanzie costituzionali nell’ambito delle misure di risposta immediata e dei programmi di ripresa economica e sociale post-Covid19”.

Le Costituzioni degli stati che ne hanno una, stilate alcune da oltre 200 anni, o come quella Italiana creata a seguito della sconfitta del nazifascismo a conclusione della Seconda Guerra Mondiale, o come il Charter delle Nazioni Unite, così come scritte ed emendate nel tempo, a molti non appaiono più adeguate a soddisfare le complesse e molteplici necessità e richieste dei cittadini all’ingresso nel XXI secolo. Ciò anche a causa dell’evoluzione e velocizzazione delle nuove tecnologie che aprono ad un futuro ferocemente diverso dal presente, dell’esplosione della popolazione mondiale e facilità dei loro movimenti transcontinentali, dei flussi migratori causati da guerre, dei stravolgimenti climatici ed economici e di pandemie con forti impatti sulle democrazie a rischio di abusi sotto il profilo legale e costituzionale da parte del potere esecutivo rispetto agli altri poteri dello Stato.
I recenti tentativi di cambiare alcuni aspetti della nostra Costituzione richiamano altri interventi fatti nel passato su arti ingiuriati di un corpo che e’ già stato sottoposto ad emendamenti specularmente riparatori su molti dei sui gangli vitali. Considerando la
situazione geopolitica corrente saranno necessarie nuove riparazioni alle Costituzioni dei paesi democratici per soddisfare le richieste delle popolazioni per una maggiore giustizia sociale, politica ed economica?
Il segretario del circolo PD di New York Mr. Enrico Zanon ha detto: “Il nostro circolo vuole essere il luogo di incontro per tutti gli appassionati del bene comune, dove discutiamo di temi che riguardano non solo l’Italia e condividiamo la difesa di tutti i diritti delle persone. Ma è anche un luogo dove trovare nuove amicizie, sentirsi accolti e, per chi è nuovo in città, trovare preziosi aiuti. In questo contesto diamo il benvenuto all’on. Ceccanti che ci aiuterà ad ampliare il nostro orizzonte su un tema fondante e che ci lega tutti.” E dalla segreteria del PD USA: ”Viviamo in un contesto internazionale politico, sociale ed economico che richiede la nostra massima attenzione specialmente per ciò che riguarda i nostri diritti, e doveri, che vengono enumerati nelle costituzioni e la nostra ce la invidiano nel mondo. Grazie all’onorevole Ceccanti per la sua disponibilità ad incontrarci e parlare di questi argomenti e a
Mico per avercelo proposto e contribuito ad organizzarlo.

Contact: Mico Delianova Licastro
E-mail: mico.licastro@gmail.com; Cell: +1-631-566-0257
https://partitodemocraticonewyork.wordpress.com/
https://partitodemocraticousa.it/ceccanti/

Press release – for immediate release/comunicato stampa
New York, 22 Ottobre, 2020