Appello a raccogliere e pubblicare microdati per costruire e spiegare le misure COVID-19

di Elia Schneider, Tesoriere Circolo PD New York

A marzo nel pieno dell’emergenza, un gruppo di matematici e statistici proposero l’organizzazione di un campionamento statistico per monitorare e studiare la propagazione di Covid-19. In collaborazione con il Ministero della Sanità e Istat un’indagine sierologica su un campione di all’incirca 65.000 unità è stato condotto nei mesi di giugno e luglio. Tuttavia ciò non è sufficiente!

All’aumentare del numero dei test positivi e nel momento in cui il sistema di test, tracciamento e trattamento non permette di tenere sotto controllo il propagarsi del virus, l’Italia (e non solo) si trova priva di uno strumento fondamentale per decidere le misure da adattare: i dati.


I dati rilasciati giornalmente non permettono a esperti e cittadini di studiare e rispondere a domande legittime: chi sono i contagiati, che lavoro fanno, che abitudini hanno, qual è il loro stato di salute. Alla domanda dove avvengono i contagi, i cittadini sono lasciati a risposte che si fondano su idee preconcette, esperienze personali e racconti giornalistici, ovvero brancolano nel buio.

Servirebbe che lo stato italiano si faccia promotore di organizzare e pubblicare i dati dettagliati relativi a singoli individui anonimizzati, i cosiddetti microdati, raccolti durante il tracciamento e test dei contagiati e le informazioni sanitarie di chi stato ricoverato. Tali dati sarebbero utilissimi ma non sufficienti: per evitare distorsione nei dati raccolti sarebbe necessaria la raccolta periodica dello stato di salute e della positività a covid-19 di un piccolo ma significativo campione di persone estratte casualmente (proposta rilanciata recentemente da gli ex presidenti dell’Istat Giorgio Alleva e Alberto Zuliani).

Queste misure non particolarmente costose sarebbe utili per i seguenti motivi:

  • Il governo italiano sarebbe in grado di monitorare in maniera più precisa e tempestiva la situazione del Paese. La reale efficacia di ogni misura potrebbe essere valutata più velocemente, garantendo un’azione più incisiva dei DPCM.
  • Ogni decisione politica avrebbe a supporto analisi basate su dati precisi e pubblici. Il governo sarebbe in grado di spiegare ai cittadini il motivo delle loro scelte e la riproducibilità delle analisi smorzerebbe in parte l’acceso dibattito pubblico.
  • L’accesso pubblico incoraggerebbe esperti e non a usare questi dati per individuare soluzioni alternative e innovative all’attuale crisi sanitaria.
  • La corretta attuazione aiuterebbe a diffondere l’uso nel raccogliere e analizzare microdati nell’amministrazione pubblica e nel diffusione degli open data.

2 thoughts on “Appello a raccogliere e pubblicare microdati per costruire e spiegare le misure COVID-19

  1. We must always ensure democracy and the continuation of the power of the ‘gente’ in these moments of crisis, manmade or nature made

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s